Ultime notizie

Home / news

M-dis sbarca a Rovigo con servizi innovativi per le edicole

05 Luglio 2022

Grande affluenza di edicolanti per la riunione organizzata a Rovigo da SNAG Confcommercio lo scorso 27 giugno, un incontro finalizzato ad illustrare le novità legate al debutto anche a Rovigo e provincia, dal primo luglio, del nuovo distributore M-dis che si affianca agli altri due DL della zona, CDL e Delta Stampa.

All’incontro erano presenti i vertici nazionali dello SNAG con il Presidente Andrea Innocenti (al centro nella foto in alto) ed il Vicepresidente Fabio Callegher, insieme al dirigente di Confcommercio-Imprese per l’Italia nazionale Riccardo Devitofranceschi, oltre al responsabile di To-dis, la sede torinese di M-dis che servirà l’area della provincia di Rovigo, Primiano Dapote ed Andrea Liso per RCS. Presente anche, a fare gli onori di casa, il Vicepresidente di Confcommercio Rovigo Giovanni Vianello.

Una riunione importante per illustrare agli edicolanti della zona le opportunità per far crescere la loro attività grazie all’arrivo sul territorio rodigino di M-dis, operatore leader in Italia nella distribuzione nazionale di pubblicazioni per il grande pubblico e di stampa specializzata.

Attraverso il servizio Primaedicola.it di M-dis, anche le edicole di Rovigo - al pari di quelle di Bologna, Ferrara, Modena, Faenza e in generale l'intera area coperta da CDL - possono offrire alla clientela servizi innovativi in grado di migliorare l’esperienza di acquisto dei prodotti editoriali garantendo per esempio prenotazioni e arretrati, oltre ad altri servizi complementari come il ritiro in edicola di prodotti ordinati sui siti di e-commerce.

Come hanno affermato durante la riunione i rappresentanti di M-dis, l’adesione a tutti i servizi offerti da Primiaedicola.it consente alle edicole di offrire alla propria clientela un servizio migliorato ed integrato rispetto al passato e, soprattutto, consente di incrementare il fatturato delle edicole di oltre il 20%, un’opportunità particolarmente interessante in questa fase di vendite in contrazione per la carta stampata.

Ricordiamo che M-dis distribuisce oltre 900 testate di 70 editori e movimenta circa 1 miliardo di copie l’anno con consegna giornaliera all’alba in tutta Italia i quotidiani. Oltre alle principali testate nazionali come Corriere della Sera, Gazzetta dello Sport e Sole 24 Ore, fa capo a M-dis anche la distribuzione di settimanali e periodici, figurine, collezionabili oltre a tutta la stampa estera, per una quota pari al 33-35% di materiale editoriale presente in edicola.

L’incontro è stato anche l’occasione per SNAG di presentare la propria attività e in particolare i numerosi servizi messi a disposizione degli Associati oltre alle principali azioni sindacali finalizzate al rilancio e all’ammodernamento della rete di vendita, a cui si aggiunge anche l’ampia gamma di iniziative attivate dalla locale Confcommercio per valorizzare e agevolare l’attività dei propri iscritti.

Cambio di distributore: lunedi 27 giugno incontro a Rovigo

24 Giugno 2022

Importante appuntamento per gli edicolanti di Rovigo invitati lunedì 27 giugno alle ore 20:00 nella sede di Viale del Lavoro della Confcommercio a Rovigo.

Saranno presenti Andrea Innocenti e Fabio Callegher, rispettivamente Presidente e Vicepresidente Nazionale del sindacato di categoria SNAG, Sindacato nazionale autonomo giornalai, aderente a Confcommercio.

“Abbiamo voluto questo incontro – spiega il vice presidente di Confcommercio Rovigo Giovanni Vianello – per informare gli operatori sul delicato passaggio alla nuova agenzia distributiva di giornali e riviste che opererà a Rovigo e provincia”.

Si parlerà anche del credito d’imposta riservato alle edicole e delle azioni sindacali che SNAG sta attuando a favore della categoria.

“I vertici nazionali dello SNAG illustreranno le strategie per rendere il più agevole possibile la necessaria innovazione del settore, unico rimedio per invertire un trend che ha visto, solo nel 2021, la chiusura di 850 edicole a livello nazionale”, afferma Vianello.

Spazio quindi alla contrattazione che SNAG sta attuando per rafforzare le misure normative ed economiche di sostegno pubblico necessarie al settore per implementare ulteriori servizi, per favorire la digitalizzazione e l'informatizzazione delle edicole puntando, ad esempio, ad estendere a livello nazionale quanto già ottenuto dalla Regione Liguria che recentemente ha istituito un “fondo di sostegno per l’innovazione delle edicole”.

Confindustria tra i promotori di un nuovo quotidiano in Trentino

30 Maggio 2022

Dal 1° novembre il Trentino Alto Adige avrà un nuovo quotidiano locale cartaceo,“un giornale dei trentini, per i trentini”, come è stato definito dai promotori.

Il progetto è stato presentato a Trento, la settimana scorsa, dall’editore, la neo costituita Fondazione Synthesis, un ente no profit che ha tra i promotori le principali associazioni del territorio: Ance Trento, Associazione Albergatori (ASAT), Associazione Artigiani, Confindustria Trento e Federazione Trentina della Cooperazione, oltre che soci sostenitori come associazioni imprenditoriali, culturali, di volontariato, fondazioni, enti pubblici e, anche, soci ordinari, ossia singole imprese o persone fisiche.

«Il nostro obiettivo – ha dichiarato il presidente di Confindustria Trento, Fausto Manzana, durante la presentazione (foto in alto) – è far crescere con il dibattito e il confronto la credibilità del nostro giornale che si presenta moderato, non anti governativo né filo governativo».

Un nuovo punto di vista che aumenta la pluralità dell’informazione

Sono 22 i giornalisti chiamati a confezionare il nuovo prodotto editoriale, che nel formato cartaceo avrà 40 pagine e uscirà tutti i giorni ad eccezione del lunedì. Ampio spazio sarà dedicato anche all’online. A dirigerlo è stato chiamato Simone Casalini, che ha avuto in passato esperienze al Corriere del Trentino ed è stato anche caporedattore web del Corriere del Veneto e del Corriere di Bologna.

L’obiettivo del nuovo quotidiano è diventare espressione della comunità trentina ma anche fornire un nuovo punto di vista. Con questa nuova realtà editoriale, ha precisato il vicepresidente della Federazione Trentina della Cooperazione, Italo Monfredini, vogliamo “offrire una pluralità di voci che è l’essenza della democrazia e di una crescita economica moderata”, e vogliamo “creare un ambiente democratico e plurale, dove non ci siano monopoli e oggi siamo fondamentalmente in un monopolio dal punto di vista dell’informazione”.

Il nuovo quotidiano colma il vuoto lasciato da il Trentino

Il nuovo quotidiano, di cui non si sa ancora in nome, va infatti a colmare un vuoto. Dopo 75 anni di storia, a gennaio dello scorso anno chiudeva il Trentino (rimane attiva solo la versione online), storica testata del territorio, in seguito a una decisione unilaterale dell’editore Michl Ebner, che aveva rilevato il quotidiano da GEDI nel 2016.

Attraverso Athesia, Ebner è proprietario anche dell’altro principale quotidiano locale, l’Adige di Trento, storica testata fondata 71 anni fa da Flaminio Piccoli, e Radio Dolomiti, testate acquisite nel 2018 su cui ha acceso un faro anche l’Antitrust. Fanno capo a Ebner anche l’Alto Adige di Bolzano (acquistato da GEDI nel 2016) e Dolomiten, il giornale di famiglia in lingua tedesca diretto dal 1995 dal fratello di Michl, Toni Ebner. Di fatto in Trentino vige un semi monopolio dell’informazione, con l’unica eccezione dei dorsi locali pubblicati dal Corriere della Sera, ossia il Corriere del Trentino e il Corriere dell’Alto Adige.

Soddisfazione da parte di FNSI e Assostampa

Far decollare una nuova iniziativa editoriale cartacea in un momento in cui l’editoria è in forte crisi e il prezzo della carta è alle stelle potrebbe sembrare un azzardo. Ma il numero uno di Confindustria Trento non ha dubbi: “Siamo imprenditori e sappiamo la differenza che c’è tra rischio e azzardo. Fare cultura può essere un rischio ma crediamo nella forza del pluralismo che oggi non c’è”.

La notizia ha riscosso il plauso di FSNI, Assostampa Trento. «Nonostante la crisi che sta attanagliando il mondo dell’editoria c’è fame e sete di informazione di prossimità, certificata e di qualità», ha sottolineato in una nota il segretario del sindacato giornalisti del Trentino Alto Adige, Rocco Cerone, auspicando «l’assunzione di parte dei cento colleghi precari censiti in provincia di Trento nella nuova iniziativa editoriale, tra cui anche i cassaintegrati del Trentino».

Il ruolo della Fondazione

La scelta di una Fondazione come editore della testata è particolare e ha una finalità ben precisa, secondo i promotori. “La Fondazione si pone come istituzione culturale ad ispirazione sociale, permanente ed aperta alla comunità, snodo di alta divulgazione”, si legge sul sito di Confidustria Trento. Che poi precisa: “la Fondazione avrà dunque anche l’obiettivo di promuovere progetti sul territorio, occasioni di formazione e di informazione, iniziative e appuntamenti rivolti alla popolazione, con particolare riguardo ai giovani e al mondo delle scuole”.

Nella prima fase, il cda della Fondazione risulta così composto: presidente Fausto Manzana (presidente Confindustria Trento) mentre i Consiglieri sono Roberto Simoni, presidente Cooperazione Trentina), Italo Monfredini (Cooperazione), Barbara Fedrizzi (Confindustria), Marco Segatta (presidente Associazione Artigiani), Gianni Battaiola (presidente Associazione Albergatori), Andrea Basso (Presidente Ance Trento).

Edicola multiservizio: la Regione Veneto ci crede

07 Aprile 2022

La Regione Veneto scommette sull’edicola multiservizio con una nuova legge, nata su interessamento dello SNAG - Confcommercio, che va a regolarizzare la vendita di altri prodotti (tra cui snack e bibite) e l’offerta al pubblico di altri servizi. La notizia trova oggi rilievo nelle pagine dei giornali locali del gruppo GEDI, Tribuna di Treviso, La Nuova Venezia, Corriere delle Alpi, Il Mattino di Padova. Ecco di seguito il testo.

La Regione Veneto ha varato un’importante legge regionale che apre la strada a un nuovo modello di edicola multiprodotto e multiservizio, offrendo una boccata d’ossigeno a un settore che da molto tempo è alla ricerca di sbocchi commerciali alternativi in grado di controbilanciare il generale calo delle vendite di quotidiani e periodici.

La Legge regionale n.7 del 15 marzo 2022 all’art. 4 relativo a “Disciplina della vendita della stampa quotidiana e periodica”, prevede che le edicole esclusive possano “vendere altri prodotti” e in particolare “pastigliaggi preconfezionati” (tra cui caramelle, snack, gelati e bibite) anche senza il possesso dei requisiti professionali richiesti per la somministrazione di alimenti.

Prevede, inoltre, che le edicole esclusive possano “svolgere ulteriori attività di servizio nel rispetto della normativa vigente” agevolando la loro trasformazione in hub di servizi per il cittadino. Altra novità interessante è la possibilità per i punti vendita esclusivi di “esporre pubblicità propria o di terzi nel rispetto delle disposizioni comunali vigenti in materia di impianti pubblicitari”.

“Questa legge rappresenta una conquista importante per le edicole e nasce da una specifica iniziativa da parte dello SNAG – Confcommercio”, spiega il presidente Nazionale di categoria Andrea Innocenti. “In una riunione dello scorso settembre con l’assessore alle attività produttive della Regione Veneto, Roberto Marcato, SNAG - Confcommercio ha avanzato la proposta di nuove forme di sostegno a favore delle edicole. Proposte – sottolinea Innocenti – che al termine del necessario iter legislativo sono state interamente accolte, a beneficio di tutta la rete di vendita veneta della carta stampata. Ringraziamo la Giunta del Veneto per la disponibilità e la sensibilità mostrata verso la nostra categoria e auspichiamo che questa legge possa essere replicata anche in altre Regioni”.

Nuovi sbocchi commerciali per le edicole del Veneto

06 Aprile 2022

La Voce di Rovigo dedica un ampio articolo alla nuova legge della Regione Veneto, promossa su iniziativa dello SNAG, che concede alle edicole la possibilità di vendere, oltre a quotidiani e periodici, anche alcuni generi alimentari preconfezionati e bibite, oltre a “svolgere attività di servizio per il cittadino e di esporre pubblicità secondo le disposizioni comunali vigenti” (clicca qui per leggere l’articolo integrale).

“Grazie a questa normativa - afferma nell’articolo Fabio Callegher, Vicepresidente nazionale di SNAG per il Nordest - le edicole potranno beneficiare di maggiori opportunità imprenditoriali: aderire o meno all’iniziativa sarà poi a discrezione del singolo edicolante. Noi, intanto, abbiamo lavorato per consentire di spaziare anche verso sbocchi commerciali alternativi”.

“Di questa legge - prosegue Callegher - penso costituisca un passaggio importante, in particolare, la possibilità di offrire servizi alla cittadinanza in sinergia con le amministrazioni comunali, in base alle peculiarità ed esigenze delle diverse realtà territoriali. Un potenziale valore aggiunto, a mio avviso, risiede anche nella possibilità di esporre spazi pubblicitari di terzi, non soltanto per una questione di ritorno economico, ma soprattutto perché permetterebbe agli edicolanti di rivestire una funzione informativa nei confronti dei cittadini. Le amministrazioni comunali, in tal senso - precisa Callegher - per riferire specifiche comunicazioni alla cittadinanza, penso per esempio agli avvisi di mobilità, potrebbero rivolgersi alle edicole, solitamente dislocate in punti nevralgici delle città. Insomma, il fine ultimo di questa legge vuole un po’ essere quello di far tornare le edicole a essere percepite come dei punti di riferimento per la cittadinanza”.

L’evoluzione in centro di servizi non sarà semplice. Raccogliendo le opinioni di alcuni edicolanti, l’articolo mette in evidenza le difficoltà, spesso di tipo economico, delle rivendite nell’intraprendere un cambio di passo e lanciarsi in nuove inizitive commerciali.

Padova, un bando a sostegno delle piccole attività di vicinato

16 Febbraio 2022

Il Comune di Padova ha messo a disposizione un bando per l’assegnazione di contributi a sostegno delle piccole attività di vicinato per il miglioramento del decoro urbano esterno. Le domande possono essere inviate fino alle ore 19:00 del 28 febbraio 2022.

QUI è possibile trovare tutta la documentazione necessaria per partecipare al bando e i contatti utili. 

Obiettivi del bando

Il bando prevede contributi a fondo perduto per un ammontare di 600.000 euro messi a disposizione per sistemare o rifare insegne, targhe, tende, illuminazione vetrine, serrande, arredi esterni e simili, al fine di determinare un abbellimento della pubblica via.

Possono presentare domanda le micro e piccole imprese che abbiano sede operativa oggetto dell’intervento nel Comune di Padova. Possono partecipare anche gli operatori su area pubblica purché titolari di una concessione in corso di validità rilasciata dal Comune di Padova.

I contributi sono concessi per spese relative ad acquisti regolarmente fatturati a partire dal 1° gennaio 2022 fino al 31 luglio 2022. I contributi hanno un importo unitario minimo di 1.000 euro e massimo di euro 5.000 euro. La spesa minima per cui chiedere il contributo è di 2.000 euro esente IVA e quella massima di 10.000 euro o più esente IVA. 

Spese ammissibili

Nello specifico, il contributo può essere chiesto per i seguenti interventi inerenti il miglioramento del decoro urbano esterno dell’attività che determinano quali:
-Insegne e targhe di esercizio conformi ai regolamenti sulla pubblicità del Comune di Padova
-Tende parasole di copertura delle vetrine
-Illuminazione esterna delle vetrine dell’esercizio e/o spazio antistante
-Serrande e saracinesche dell’attività sull’esterno
-Arredi esterni per l’occupazione dell’area pubblica conformi al “Regolamento per l’arredo urbano e il decoro della città di Padova”
-Banchi, tende e coperture per lo svolgimento dell’attività di commercio in area pubblica conformi ai regolamenti del commercio in area pubblica
-Chioschi autorizzati dal Comune di Padova per attività di somministrazione di alimenti e bevande, vendita al dettaglio o rivendita di giornali e riviste

Modalità per partecipare al bando

La ricezione delle domande e la gestione di istruttoria e concessione del contributo vengono gestiti dalla Camera di Commercio di Padova, su delega e con la collaborazione del Comune di Padova.
Il bando sarà accessibile sulla piattaforma Web Telemaco a partire dalle ore 09:30 del 7 febbraio 2022 solo per consentire la precompilazione delle pratiche e il caricamento degli allegati. Mentre le domande potranno essere inviate SOLO a partire dalle 9:30 del 15 febbraio 2022 fino alle 19:00 del 28 febbraio 2022.

La Camera di Commercio si riserva la facoltà di chiudere anticipatamente i termini di presentazione delle domande, in caso di esaurimento delle risorse disponibili. Della chiusura anticipata verrà data comunicazione nel sito camerale. Saranno automaticamente escluse le domande inviate prima e dopo tali termini. Non saranno considerate ammissibili altre modalità di trasmissione delle domande di ammissione al contributo.

Modalità di assegnazione del contributo

È prevista una procedura valutativa a sportello (di cui all’art. 5 comma 3 del D.lgs. 31 marzo 1998, n. 123) secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Contatti

Per informazioni e problemi tecnici di registrazione e caricamento delle domande contattare il numero 049 2015215 della società Infocamere s.c.p.a.

Per altre informazioni è possibile contattare:

Servizio Promozione e progetti di sviluppo del territorio
Camera di Commercio di Padova
e-mail: promozione@pd.camcom.it
tel: 049 8208268
PEC: promozione@pd.legalmail.camcom.it

Due giornali al prezzo di uno: un successo annunciato

15 Febbraio 2022

Unire le forze per sopravvivere alla crisi dell’editoria, anche se questo significa sacrificare un pezzettino di pluralismo dell’informazione. Lo hanno fatto qualche settimana fa uno storico giornale locale, La Voce di Rovigo, e QN-Il Resto del Carlino, uno dei quotidiani di punta del gruppo Riffeser.

I due giornali restano totalmente indipendenti e la loro unione avviene solo nelle edicole della provincia di Rovigo, Cavarzere e Chioggia, dove da un paio di settimane vengono obbligatoriamente venduti in abbinamento. Grazie ad un inedito accordo tra i due editori, dal primo febbraio i lettori che acquistano La Voce di Rovigo ricevono anche QN-Il Resto del Carlino al prezzo di 1,50 euro (30 centesimi in più rispetto al costo di 1,20 euro del quotidiano locale). E viceversa. Chi acquista QN-Il Resto del Carlino riceve, al solito prezzo di 1,50 euro, anche La Voce di Rovigo.

A prima vista si direbbe un matrimonio ben riuscito, da cui entrambe le parti escono rafforzate. E, soprattutto, in grado di portare vantaggi ai lettori. Non solo perché possono contare su due quotidiani al costo di uno, ma soprattutto perché possono avvalersi di un’informazione più ampia, completa e di qualità che spazia dalla cronaca locale ai grandi temi nazionali e internazionali.

L’accordo per l’abbinamento in edicola nasce dopo la decisione de Il Resto del Carlino di chiudere la sua edizione locale di Rovigo, presente da decenni nella zona del Polesine. Una decisione non indolore. Il pluralismo dell’informazione perde infatti un tassello, senza contare la perdita del lavoro per chi lavorava all’edizione locale di Rovigo. Da qui la nascita dell’unione con il giornale locale La Voce di Rovigo per una distribuzione in abbinamento obbligatorio.

Per una strana coincidenza, questo accordo tra un giornale nazionale e un giornale locale vede protagonisti due editori che sono anche ai vertici delle rispettive associazioni degli Editori. Andrea Riffeser Monti, a cui fa capo QN-Il Resto del Carlino, è presidente della FIEG-Federazione Italiana Editori Giornali. Dall’altra parte c’è Samuele Bertuccio, Direttore Generale della cooperativa Editoriale La Voce che edita La Voce di Rovigo, e anche Vice Presidente della FILE, la Federazione Italiana Liberi Editori che raggruppa i piccoli editori di giornali locali. Due editori sempre alla ricerca di nuovi modi per dare ossigeno e dignità alla carta stampata e dare un futuro sostenibile al mondo dell'informazione.

Il Piccolo compie 140 anni. Un francobollo per celebrare l’anniversario

14 Dicembre 2021

Dal primo numero uscito nel 1881 fino alla trasformazione digitale dei nostri giorni. Un cammino lungo quasi un secolo e mezzo che ha visto Il Piccolo segnare la storia della città di Trieste e dell’Italia attraverso le sue prime pagine: dal trattato di Rapallo del 1920 al ritorno di Trieste all'Italia nel 1954 fino alla caduta del confine e ai gesti di riconciliazione dei presidenti di Italia e Slovenia.

Un traguardo importante che è stato immortalato in un francobollo ordinario emesso lo scorso 10 dicembre da Poste Italiane, con una tiratura prevista di 300mila esemplari. In primo piano, uno strillone con in mano la prima pagina del quotidiano 'Il Piccolo' del 29 dicembre 1881 e un'alabarda, tratta dallo stemma di Trieste; sullo sfondo la Cattedrale di San Giusto. «È un triestino realmente esistito, perché compare in una foto delle barricate di San Giacomo del 1920. L’ho preso da là. Un ragazzino simbolo sangiacomino. Trieste, insomma», ha spiegato l’illustratore Max Calò, anche lui triestino, che ha realizzato il bozzetto.

L'emissione è stata celebrata durante un incontro a Trieste a cui hanno partecipato, tra gli altri, il direttore della testata, Omar Monestier, e la condirettrice Roberta Giani, oltra al presidente della Regione Massimiliano Fedriga e al sindaco di Trieste Roberto Dipiazza. Ospite d'onore il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, intervenuto attraverso un video messaggio in cui ha sottolineato che, nonostante le difficoltà per la carta stampata, “per resistere in un mondo in cui le informazioni arrivano un po' da tutte le parti, specialmente dal web, e tante volte sono delle fake, tornano di attualità le tre parole d'ordine che ispiravano la nascita de Il Piccolo: indipendenza, imparzialità e onestà".

All’incontro ha preso parte anche Fabiano Begal, Amministratore delegato di Gedi News Network (GNN): "penso sia il momento più bello per i giornali - ha aggiunto - non tanto per le vendite in edicola, dove ci sono tensioni, ma perché sta cambiando pelle il modo di fare giornalismo e si sta cercando la via digitale che passa assolutamente per la qualità. Questa è la sfida più forte".

Per celebrare questo “compleanno speciale”, nella sede centrale di Poste Italiane in piazza Vittorio Veneto a Trieste, è stata inaugurata una mostra che ripercorre la storia del giornale di Trieste e della Venezia Giulia attraverso le prime pagine più significative de Il Piccolo.

Anche a Padova certificati in edicola

29 Novembre 2021

Dopo Venezia e Verona, i certificati anagrafici arrivano in edicola anche a Padova. Il 18 novembre scorso, l’assessora ai servizi demografici Francesca Benciolini e l’assessore alle attività produttive Antonio Bressa hanno simbolicamente scaricato il primo certificato presso una rivendita di giornali della città.

La possibilità della rete di vendita di svolgere servizi di anagrafe è arrivata a seguito della convenzione siglata dalle Organizzazioni Sindacali di categoria con il Comune. Per ora solo una manciata di edicole hanno attivato il servizio, altre dovrebbero aggiungersi nelle prossime settimane in quanto i punti vendita avranno tempo per tutto il 2022 per aderire al servizio.

Una comodità per i cittadini che possono accorciare i tempi di attesa per il ritiro dei certificati e possono contare su orari più comodi e ampi. Per avere la copia di un certificato è sufficiente esibire il proprio documento di riconoscimento ed il codice fiscale. L’edicolante stamperà il certificato in tempo reale, al costo di 2,50 euro. Sono disponibili solo i certificati di chi è residente nel Comune di Padova o di chi è residente all’estero ma iscritto all’Aire di Padova.

“È importante per noi che le edicole restino un punto di riferimento per i cittadini, nei quartieri ed anche grazie a questi nuovi servizi che vengono erogati potranno continuare a farlo. Ringrazio - ha aggiunto l’assessore alle attività produttive Antonio Bressa - le associazioni di categoria, gli edicolanti, oltre a tutti gli uffici comunali che si sono interessati al progetto, è stato un lavoro di squadra che sicuramente sarà apprezzato dai cittadini che in modo molto comodo potranno usufruire di questo nuovo servizio”.

Non tutti i cittadini sono attrezzati per scaricare documenti online. Per questo, ha affermato l’assessora ai servizi demografici Francesca Benciolini (nella foto in alto) “il servizio viene ampliato con la collaborazione delle edicole che hanno orari più lunghi degli uffici comunali, sono più diffuse all’interno del territorio e in questo modo possono diventare una estensione del nostro servizio nei territori dove aderiranno. Ringraziamo gli edicolanti per la partecipazione a questo progetto che per noi diventa un progetto di servizio esteso a tutta la città”.

l'Adige festeggia 70 anni

16 Novembre 2021

A fondare il quotidiano l’ADIGE fu Flaminio Piccoli, in seguito parlamentare e segretario della Dc. Il 15 novembre scorso si è svolta una cerimonia che è stata l’occasione per celebrare due anniversari: i 70 anni dalla nascita del quotidiano (che nel 2018 è stato rilevato dal gruppo Athesia che fa capo alla famiglia Ebner) e i 20 anni dalla scomparsa del suo fondatore (celebrati con un anno di ritardo a causa della pandemia).

"La storia del quotidiano l'Adige è la storia di centinaia di migliaia di trentini e la storia di questo territorio", ha detto l'editore Michl Ebner nel corso dell’evento che si è svolto presso la sede dello storico quotidiano di Trento.

Ebner ha quindi ricordato la figura di Flaminio Piccoli, svelando un bassorilievo in bronzo dell’ex segretario della Dc collocato proprio davanti all’ingresso del giornale, affianco a quello, già presente, di Alcide De Gasperi, altro illustre politico trentino. Alla cerimonia erano presenti anche i familiari di Piccoli, in particolare la figlia Flavia e il nipote Paolo.

Durante l’evento, l'attuale direttore, Alberto Faustini, figlio dello storico direttore Gianni, ha evidenziato l'importanza di dare a un giornale il nome di un fiume, “che dà l'acqua alla comunità e collega nord e sud”, mentre il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, Mario Tonina, ha voluto sottolineare “l’importanza, fondamentale per la democrazia, del diritto all’informazione, un diritto nel quale Piccoli credeva così profondamente da avere dedicato al giornalismo una parte della sua vita e del suo impegno civile”.

“Ricordare Flaminio Piccoli in questa occasione e in tempi di pandemia – ha aggiunto Tonina – consente di ripercorrere una storia di riscatto e di fiducia nel futuro, un esempio di come attraverso la volontà, il lavoro e la dedizione si possono superare periodi di grande difficoltà. Significa anche ricordare una figura che ha saputo muoversi in molti ambiti diversi, forte di quella capacità di visione che era propria anche di un altro grande politico italiano, come lui di origini trentine, Alcide De Gasperi”.


Risultati 1 - 10 su 13
Pagine: [1]   2  Successiva     »|
SNAG - Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai
Codice Fiscale 80108230154
Via San Vito, 24 - 20123 Milano
0286984413
0280298390
@ segreteria@snagnazionale.it

Seguici su: