Ultime notizie

Home / news

Confindustria tra i promotori di un nuovo quotidiano in Trentino

30 Maggio 2022

Dal 1° novembre il Trentino Alto Adige avrà un nuovo quotidiano locale cartaceo,“un giornale dei trentini, per i trentini”, come è stato definito dai promotori.

Il progetto è stato presentato a Trento, la settimana scorsa, dall’editore, la neo costituita Fondazione Synthesis, un ente no profit che ha tra i promotori le principali associazioni del territorio: Ance Trento, Associazione Albergatori (ASAT), Associazione Artigiani, Confindustria Trento e Federazione Trentina della Cooperazione, oltre che soci sostenitori come associazioni imprenditoriali, culturali, di volontariato, fondazioni, enti pubblici e, anche, soci ordinari, ossia singole imprese o persone fisiche.

«Il nostro obiettivo – ha dichiarato il presidente di Confindustria Trento, Fausto Manzana, durante la presentazione (foto in alto) – è far crescere con il dibattito e il confronto la credibilità del nostro giornale che si presenta moderato, non anti governativo né filo governativo».

Un nuovo punto di vista che aumenta la pluralità dell’informazione

Sono 22 i giornalisti chiamati a confezionare il nuovo prodotto editoriale, che nel formato cartaceo avrà 40 pagine e uscirà tutti i giorni ad eccezione del lunedì. Ampio spazio sarà dedicato anche all’online. A dirigerlo è stato chiamato Simone Casalini, che ha avuto in passato esperienze al Corriere del Trentino ed è stato anche caporedattore web del Corriere del Veneto e del Corriere di Bologna.

L’obiettivo del nuovo quotidiano è diventare espressione della comunità trentina ma anche fornire un nuovo punto di vista. Con questa nuova realtà editoriale, ha precisato il vicepresidente della Federazione Trentina della Cooperazione, Italo Monfredini, vogliamo “offrire una pluralità di voci che è l’essenza della democrazia e di una crescita economica moderata”, e vogliamo “creare un ambiente democratico e plurale, dove non ci siano monopoli e oggi siamo fondamentalmente in un monopolio dal punto di vista dell’informazione”.

Il nuovo quotidiano colma il vuoto lasciato da il Trentino

Il nuovo quotidiano, di cui non si sa ancora in nome, va infatti a colmare un vuoto. Dopo 75 anni di storia, a gennaio dello scorso anno chiudeva il Trentino (rimane attiva solo la versione online), storica testata del territorio, in seguito a una decisione unilaterale dell’editore Michl Ebner, che aveva rilevato il quotidiano da GEDI nel 2016.

Attraverso Athesia, Ebner è proprietario anche dell’altro principale quotidiano locale, l’Adige di Trento, storica testata fondata 71 anni fa da Flaminio Piccoli, e Radio Dolomiti, testate acquisite nel 2018 su cui ha acceso un faro anche l’Antitrust. Fanno capo a Ebner anche l’Alto Adige di Bolzano (acquistato da GEDI nel 2016) e Dolomiten, il giornale di famiglia in lingua tedesca diretto dal 1995 dal fratello di Michl, Toni Ebner. Di fatto in Trentino vige un semi monopolio dell’informazione, con l’unica eccezione dei dorsi locali pubblicati dal Corriere della Sera, ossia il Corriere del Trentino e il Corriere dell’Alto Adige.

Soddisfazione da parte di FNSI e Assostampa

Far decollare una nuova iniziativa editoriale cartacea in un momento in cui l’editoria è in forte crisi e il prezzo della carta è alle stelle potrebbe sembrare un azzardo. Ma il numero uno di Confindustria Trento non ha dubbi: “Siamo imprenditori e sappiamo la differenza che c’è tra rischio e azzardo. Fare cultura può essere un rischio ma crediamo nella forza del pluralismo che oggi non c’è”.

La notizia ha riscosso il plauso di FSNI, Assostampa Trento. «Nonostante la crisi che sta attanagliando il mondo dell’editoria c’è fame e sete di informazione di prossimità, certificata e di qualità», ha sottolineato in una nota il segretario del sindacato giornalisti del Trentino Alto Adige, Rocco Cerone, auspicando «l’assunzione di parte dei cento colleghi precari censiti in provincia di Trento nella nuova iniziativa editoriale, tra cui anche i cassaintegrati del Trentino».

Il ruolo della Fondazione

La scelta di una Fondazione come editore della testata è particolare e ha una finalità ben precisa, secondo i promotori. “La Fondazione si pone come istituzione culturale ad ispirazione sociale, permanente ed aperta alla comunità, snodo di alta divulgazione”, si legge sul sito di Confidustria Trento. Che poi precisa: “la Fondazione avrà dunque anche l’obiettivo di promuovere progetti sul territorio, occasioni di formazione e di informazione, iniziative e appuntamenti rivolti alla popolazione, con particolare riguardo ai giovani e al mondo delle scuole”.

Nella prima fase, il cda della Fondazione risulta così composto: presidente Fausto Manzana (presidente Confindustria Trento) mentre i Consiglieri sono Roberto Simoni, presidente Cooperazione Trentina), Italo Monfredini (Cooperazione), Barbara Fedrizzi (Confindustria), Marco Segatta (presidente Associazione Artigiani), Gianni Battaiola (presidente Associazione Albergatori), Andrea Basso (Presidente Ance Trento).

Grande affluenza di edicolanti per la riunione organizzata a Rovigo da SNAG Confcommercio lo scorso 27 giugno, un incontro finalizzato ad illustrare ...
Importante appuntamento per gli edicolanti di Rovigo invitati lunedì 27 giugno alle ore 20:00 nella sede di Viale del Lavoro della ...

SNAG - Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai
Codice Fiscale 80108230154
Via San Vito, 24 - 20123 Milano
0286984413
0280298390
@ segreteria@snagnazionale.it

Seguici su: