AREA ASSOCIATI
ISCRIVITI A SNAG
Home Page

Ultime notizie

Home / news

9 indagati e 329 canali chiusi. Giro di vite alla pirateria. Soddifatta la FIEG

09 Settembre 2021

Si è conclusa con la chiusura di 329 canali Telegram e l’identificazione di 9 amministratori di altrettanti canali Telegram, l’indagine della Procura di Bari contro la pirateria editoriale partita oltre un anno fa da una segnalazione della FIEG, preoccupata per le forti perdite che il fenomeno sta arrecando al settore, anche alle edicole che, a causa di questo fenonmeno, si vedono sottrarre vendite (e quindi ricavi).

Gli indagati, residenti in diverse regioni italiane (Lazio, Puglia, Veneto, Sicilia, Marche, Campania), sono accusati di aver violato la legge sui diritti d’autore. Alcuni, si legge nella carte della Procura, avrebbero sfruttato la diffusione dei file pirata "con lo scopo di guadagnare denaro attirando iscritti e inducendoli a perfezionare l'acquisto di prodotti Amazon sponsorizzati sui canali", oppure, nel caso dei file musicali, ricevendo "denaro tramite accredito su una apposita money box associata al canale".

Attenzione dunque alle trappole della rete, perché alla fine non era proprio del tutto gratis il servizio offerto sui canali Telegram. Un avvertimento da non dimenticare in futuro quando qualcuno si ostinerà a offrire gratis prodotti e/o servizi che invece hanno un costo.

Apprezzamento per l’inchiesta è stata espressa dalla FIEG: “Auspichiamo che simili azioni – ha detto il Presidente Andrea Riffeser Monti – possano aumentare il grado di consapevolezza e di sensibilità in quella vastissima platea di utenti/clienti che alimentano il mercato della pirateria editoriale, spesso ignorando i rischi giudiziari che corrono direttamente e gli ingenti danni economici che provocano all’industria dell’informazione e alla libertà di stampa, danni stimati per il solo comparto dell’editoria in 670mila euro al giorno, circa 250 milioni di euro all’anno”.

“La costante attività della Federazione a tutela del prodotto editoriale – ha concluso Riffeser – prosegue anche attraverso gli altri strumenti previsti dal nostro ordinamento, grazie alla recente modifica dei poteri dell’Agcom a tutela del diritto d’autore per violazioni che fino ad oggi sfuggivano all’Autorità, quali, ad esempio, la illecita diffusione di contenuti attraverso le piattaforme social e le piattaforme telefoniche o di messaggistica istantanea".

"Siamo lieti - ha concluso il numero uno della FIEG - di aver contribuito, con le nostre segnalazioni, all’avvio di una riflessione che ha portato a questo importante risultato, ampiamente sostenuto da forze di maggioranza e di opposizione: un segnale di sensibilità per il settore dell’editoria. Un impegno concreto nell’attività di protezione del diritto d’autore”.

Il vaccino anti Covid non crea le varianti del Covid e non rende nemmeno sterili. E bere alcool o mangiare aglio non preserva dal virus. Sono tante ...
La crisi della stampa cartacea non conosce confini geografici. Arriva dagli Usa la notizia che, dopo 27 anni di pubblicazioni, lo storico magazine ...
E' forse troppo presto definirla inversione di tendenza. Quello che è certo, però, è che le ultime rilevazione di ADS-Accertamenti diffusione stampa hanno ...
Inizialmente dovevano essere inviate a partire dal primo settembre, ma un avviso pubblicato dal Dipartimento per l’Informazione e ...

SNAG - Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai
Via San Vito, 24 - 20123 Milano
Tel: 0286984413 - Fax: 0280298390
Email segreteria@snagnazionale.it

Seguici su: